Ipoparatiroidismo dopo tiroidectomia totale: utilità prognostica del dosaggio intraoperatorio del paratormone

25.00

COD: 2004_01_023-28 Categorie: ,

C. Casella, C. Talarico, F. Di Fabio, G. Bugari, C. Iacobello, A. Albertini, B. Salerni

Ann. Ital. Chir., LXXV, 1, 2004

La mia nuova descrizione qui!

Price of a print issue €25.00

L’ipoparatiroidismo rappresenta la complicanza più frequente dopo tiroidectomia totale (1-3).
Nella sua forma definitiva esso raggiunge un’incidenza che va dallo 0,2 al 32% (4-9). Tale variabilità nei dati è secondaria sia ai parametri utilizzati per la sua definizione e diagnosi sia alla tecnica chirurgica adottata. In
Letteratura sono state proposte diverse metodiche per la diagnosi precoce di ipoparatiroidismo (10-12). Si è dimostrato affidabile in tal senso il dosaggio intraoperatorio del paratormone (13-15). Il presente Studio si propone di valutare l’uso routinario del dosaggio del PTH in corso di tiroidectomia totale, al fine di identificare precocemente i pazienti a rischio di ipoparatiroidismo postoperatorio. Si è identificata una percentuale di calo intraoperatorio dell’ormone oltre il quale si osserva ipoparatiroidismo postoperatorio.

0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi