Home Fascicoli 2003 Gennaio - Febbraio 2003 Ernioplastica inguinale laparoscopica “IPOM” con Dual-Mesh
Decrease font size  Default font size  Increase font size 
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
E-mail
CD44v6 and Nm23-H1 protein expression related to clinico pathological parameters in colorectal cancerTrattamento della malattia emorroidaria con suturatrice meccanica circolare

Ernioplastica inguinale laparoscopica “IPOM” con Dual-Mesh

Ernioplastica inguinale laparoscopica “IPOM” con Dual-Mesh

Costo per la stampa di una copia: €25.00


M. Catani, R. De Milito, A. Materia,
M. Chiaretti, E. Spaziani, G. Manili,
M. Simi

Ann. Ital. Chir., LXXIV, 1, 2003; Vol. 74 / 1 – pag. 53-62

 

Riassunto

Gli Autori riferiscono la loro esperienza di ernioplastiche
inguinali laparoscopiche con tecnica IPOM su 56
pazienti, 34 dei quali portatori di ernia bilaterale, di cui
6 recidive, e 22 di ernia monolaterale, di cui 9 recidive,
per un totale quindi di 90 ernie.
Per la riparazione erniaria sono state utilizzate le protesi
“GORE-TEX® DualMesh Plus biomaterial with holes”
per i primi 32 casi e con la modifica “...Corduroy” nei
successivi 24. Le mesh sono state fissate con punti metallici
a spirale (Protack, AutoSuture, Tyco Healthcare).
Gli Autori non riportano complicanze intraoperatorie né
conversioni. Sono state osservate 5 complicanze post-operatorie
(5.5%), tutte di lieve entità: 2 casi di sieroma e
3 parestesie transitorie nella regione inguinale. Solo 4
pazienti (7.1%) hanno richiesto analgesici (mai più di
due dosi) oltre le 24 ore. La degenza post-operatoria è
stata in media di 1.5 giorni, con un minimo di 24 ore
e un massimo di 2 giorni. La ripresa della normale attività
si è avuta in media dopo 8 giorni e, per i pazienti
in età lavorativa, il ritorno al lavoro entro le due settimane
dall’intervento.
Gli autori registrano tre casi di recidiva (3.3%) con un
follow-up medio di 18 mesi.
Sulla base dei risultati dell’esperienza personale e di quelli
scaturiti dalla metanalisi di casistiche IPOM emerse
dalla Medline, gli Autori concludono che la IPOM
potrebbe costituire, nel trattamento delle ernie recidive,
bilaterali o in corso di interventi laparoscopici eseguiti
per altre patologie, una reale, valida e preferibile alternativa
alle altre metodiche laparoscopiche attualmente in
uso (TAPP e TEP). L’IPOM potrebbe inoltre essere eventualmente
presa in considerazione anche nelle ernie inguinali
primitive monolaterali in individui molto attivi sul
piano produttivo o in soggetti dediti a lavori pesanti o
in atleti. Tutto ciò è legato tuttavia al definitivo dato
concernente l’incidenza delle recidive e quindi ai risultati
di follow-up più lunghi con casistiche maggiori di
pazienti con ernie, sia recidive che primitive, nell’ambito
di trials randomizzati prospettici.
Parole chiave: Ernia inguinale, chirurgia laparoscopica,
IPOM.





Recensione del lettore:

Nessuna recensione disponibile per questo articolo.
Autenticati per poter scrivere una recensione.












Created By Ad Hoc Solution - adhocs.it - Comunicazione | Eventi | Grafica | Web


Cerca in Pub Med

Pub Med

Avviso Importante


Pannello utente






Annali Italiani di Chirurgia è la rivista ufficiale della S.I.C.U.T.

Annali Italiani di Chirurgia è la rivista ufficiale della S.I.C.U.

Societa Italiana Flebologia S.I.F.



 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni.